IoT ed Healthcare: numeri, previsioni ed esempi di innovazione nel settore sanitario

I numeri e le previsioni del mercato medico e sanitario

L’articolo di i-scoop.eu ci offre un quadro di riferimento per analizzare come l’IoT sta aiutando il settore healtcare e quali sono le previsioni per il futuro prossimo, dandoci numeriche che descrivono l’evoluzione del settore.

Esiste, oggi, una branca dell’IoT specifica per il settore: l’Internet of Healthcare Things (IoHT) – anche chiamata Internet of Medical Things (IoMT). Il 60% delle organizzazioni sanitarie hanno già introdotto nelle proprie strutture strumenti connessi grazie alle tecnologie Internet of Things, mentre il 76% delle organizzazioni crede nella trasformazione del settore che porterà l’innovazione IoT. Entro il 2019, inoltre, le previsioni indicano che l’87% delle strutture avrà al suo interno prodotti connessi grazie all’IoT.

Il giro di affari nel 2015 era di 56,5 miliardi di dollari, e si prevede che sarà di oltre 169 miliardi nel 2022, con un incremento del 200% in soli 7 anni!

“Il giro di affari nel 2015 era di 56,5 miliardi di dollari, e si prevede che sarà di oltre 169 miliardi nel 2022, con un incremento del 200% in soli 7 anni!”

Come è utilizzata la tecnologia IoT nelle strutture sanitarie?

Secondo gli studi proposti dagli autori dell’articolo di i-scoop.eu (e risultato del lavoro dell’azienda Aruba, del gruppo Hewlett Packard) le strutture che hanno adottato prodotti con funzionalità IoT hanno scelto l’innovazione per 4 principali motivi:

  • Nel 73% dei casi per il monitoraggio remoto e la manutenzione (anche preventiva)
  • Nel 50% delle strutture è utile per le attività e i controlli in remoto
  • Il 47% utilizza l’IoT per servizi basati sulla geolocalizzazione (definiti “location-based services”)
  • Il 67% ha pianificato di connettere i propri prodotti IoT in wifi per la comodità della connessione

Ma quali sono le applicazioni concrete dell’IoT nelle strutture?

Continuando con la presentazione dello studio condotto dall’azienda Aruba, scopriamo quali sono attualmente le applicazioni concrete dell’innovazione IoT nelle strutture sanitarie:

  • Il 64% utilizza l’innovazione IoT per il monitoraggio dei pazienti
  • il 56% per risparmiare energia elettrica
  • il 33% per migliorare l’utilizzo dei macchinari a raggi X e di diagnostica per immagini (definita “imaging”)

“Il 64% utilizza l’innovazione IoT per il monitoraggio dei pazienti”

I benefici attuali e futuri dell’IoT gli operatori del settore

Secondo l’80% delle persone delle strutture sanitarie che utilizzano prodotti connessi l’IoT porta innovazione all’azienda, semplificando le attività e migliorando l’immagine aziendale. Per il 76% semplifica e migliora il passaggio di dati e di informazioni all’interno delle strutture. Per il 73%, infine, l’IoT consente di diminuire i costi delle attività che consente di digitalizzare e automatizzare.

In futuro l’integrazione dell’IoT nel settore sanitario porterà dei concreti benefici economici che sono, secondo gli utenti del settore:

  • Aumento della produttività, secondo il 57%
  • Diminuzione dei costi, per il 57%
  • Nuovi modelli di business, secondo il 36%
  • Migliore collaborazione tra colleghi e pazienti, per il 27%

“Per il 76% semplifica e migliora il passaggio di dati e di informazioni all’interno delle strutture”

I driver, i loro vantaggi e alcuni esempi del settore

Le applicazioni della tecnologia che guidano il mercato verso l’innovazione – e trainano l’interesse, la ricerca e la crescita del settore – si possono sintetizzare in…

  • Monitoraggio remoto e in tempo reale. I RTHS (Real-time Health Systems – sistemi di monitoraggio in tempo reale), insieme all’accesso in remoto consentono una diminuzione dei costi delle strutture, del carico di lavoro per gli operatori del settore e un miglioramento dell’esperienza per il paziente (perché si sente più a suo agio nel suo ambiente normale), con un conseguente Tasso Annuo di Crescita Composto (in inglese, CAGR – Compounded Annual Growth Rate) del settore di oltre il 24% entro il 2020.

“Il monitoraggio remoto migliorerà il Tasso Annuo di Crescita Composto del settore di oltre il 24% entro il 2020.”

  • Digitalizzazioni informazioni e della cartella clinica. Questa innovazione è possibile grazie ai sistemi definiti EHR (Electronic Healthcare Records), che consentono di salvare i dati provenienti dagli apparecchi e macchinari medicali ed inviarli a strutture sanitarie, dottori, infermiere e tutti gli stakeholder interessati alle informazioni di un paziente.
  • Cure preventive e personalizzate. Il salvataggio, invio e l’interpolazione dei dati in tempo reale, oltre a consentire di creare una cartella clinica digitalizzata del paziente, consentono anche di poter tracciare anche il minimo cambiamento delle condizioni del paziente e di avere informazioni, anamnesi, analisi e quindi soluzioni cliniche più dettagliate e personalizzate per i pazienti.
    La grande mole di dati ottenuti, insieme agli algoritmi predittivi di Intelligenza Artificiale, inoltre, possono essere utilizzati per studiare a fondo le cause dei malesseri e intervenire preventivamente.

    • Un esempio concreto è tempoHEALTH, un sistema di monitoraggio e analisi dati per dare cure personalizzate e preventive alle persone affette da diabete.
  • Ospedali connessi e smart. Barelle, letti, apparecchiature  macchinari connessi sono solo alcuni esempi di come sta cambiando il mondo degli ospadali. L’IoT supporta le strutture nelle attività e nei processi logistici, portando vantaggi in termini di costo e ottimizzazione.
    • E’ il caso dell’ospedale scozzese descritto da Sooraj Shah nell’articolo di itpro.co.uk. Il NHS Highland’s Caithness General Hospital ha 68 letti attrezzati che richiedono manutenzione e, grazie a sensori connessi attraverso la tecnologie bluetooth è possibile conoscere in ogni momento lo stato di manutenzione e la posizione esatta dove si trovano, per ottimizzare le attività per mantenere i letti sempre nelle condizioni migliori e, al contempo,  semplificare la logistica.
  • Pillole smart. Sapevate che ci sono pillole che, quando assunte, inviano un segnale dell’avvenuta ingestione? La Food and Drug Administration americana (Il Ministero della Salute negli USA) ha consentito nel novembre del 2017 l’utilizzo di una pillola che ha queste capacità. I risvolti per il settore mondiale sanitario sono molti. Pensiamo a quanto sia utile avere la che un paziente abbia assunto un farmaco e, se si aggiunge il monitoraggio remoto delle sue condizioni, la medicina può fare passi da gigante: una migliore cura, basata su informazioni più sicure, con un risparmio di costi di gestione.

Un anno fa avevamo parlato della medicina preventiva e dei benefici che avrebbe potuto portare, ipotizzando un futuro prossimo. Oggi siamo felici di poter dire che queste innovazioni esistono e sono disponibili per i pazienti. L’applicazione dell’IoT nel settore sanitario è forse il più lampante per far emergere i reali benefici che l’innovazione può portare a livello sociale, non solo aziendale ed economico. E aspettiamo, in futuro, di leggere che le tecnologie Internet of Things non aumentano solo le prospettive del CAGR, ma soprattutto quelle di vita delle persone, non dimenticando che è possibile migliorarne anche la qualità grazie alla rivoluzione tecnologica che sta avvenendo a livello globale.